steve's

Scuole e monopolio della carta igienica: il caso Paapre

Nov
22

La doverosa attenzione dell’ente pubblico per il bilancio è sicuramente meritoria. In un Paese dove si spende troppo e male, ancora di più.

Quando si decide di utilizzare un servizio gratuito, di qualità, dal punto di vista del bilancio va tutto bene, e anche dal punto di vista della funzionalità.
Però occorrerebbe pensare agli effetti collaterali – non solo a quelli immediati all’interno della scuola. Perché la scuola pubblica ha anche un piede nella società e nel futuro.
Quando il servizio è virtuale, digitale, sembra che questi effetti non ci siano. Invece non si vedono, ma ci sono.

 


Prima parte
Facciamo allora un esempio più concreto: prendiamo la carta igienica. Ogni scuola ha una voce di budget annuale per la pulizia, immagino, che comprende anche la carta igienica. Un tot per ogni bagno? Le scuole superiori ne consumano di più, di meno? non importa. Facciamo sia 100.
Quei 100 € vengono dallo Stato, o dai Comuni, o dalle Regioni? non lo so, ma ipotizzo derivino dalle tasse pagate dai cittadini e dalle imprese.
Immaginiamo il flusso di quei 100 €. Marchiamoli come fa la polizia per i soldi dei riscatti e seguiamo la strada che fanno.
Ogni anno viene contattato un fornitore e gli vengono dati 100 €.
Il fornitore di quei 100 € ne trattiene una parte (per pagare stipendi, furgoncino, benzina), e una parte la dà al grossista.
Della sua parte, il grossista ne tiene una quota (per pagare stipendi, magazzino), e il resto la dà al produttore, per esempio alla fabbrica di carta igienica di Lucca.
La fabbrica di Lucca con la sua quota compra la materia prima e produce la carta igienica.
Ognuno di questi attori spende parte del proprio incasso in stipendi, in affitto di mezzi.
Poi su quel 100 € vanno calcolate le tasse, cioè la parte di denaro che torna nella casse dello Stato, delle Regioni etc. Sembra che la pressione fiscale in Italia sia alta, è una bella fetta che torna indietro.
Insomma c’è un flusso di denaro dal cittadino allo stato al cittadino.

Ci sono dei limiti.
Si potrebbero selezionare i fornitori, o tutta la filiera, per garantirsi che non ci sia sfruttamento minorile, che la carta sia riciclata e non vengano tagliati troppi alberi, o inquinati fiumi; o che l’elettricità sia presa da fonti rinnovabili, etc etc. Ma questo farebbe aumentare il costo della carta igienica.
Non solo: quei 100 € sono probabilmente insufficienti per coprire il bisogno effettivo di carta igienica della scuola.
Cosa fa allora il dirigente accorto? Inventa.
1. Affigge un regolamento che limita i centimetri quadri di CI a disposizione dell’utente per ogni seduta
2. Ricicla le circolari
3. Lancia il piano BYOTP (Bring Your Own Toilet Paper)
4. Produce della carta con  le stampanti 3D
etc.

Ora immaginiamo che il signor Paapre, multinazionale di QualchepostoLand, decida di regalare carta igienica quadruplo velo, profumata alla lavanda, a tutte le scuole italiane.
Perché lo fa? sono affari suoi, possiamo immaginare che non sia per altruismo, ma per ora ignoriamolo.
Per quanto tempo lo fa? Non lo sappiamo. Certo non si impegna a farlo per sempre.
Intanto le scuole sono contente perché risolvono il problema e risparmiano. La carta igienica è di ottima qualità e viene consegnata direttamente alla scuola.
Si può discutere sul fatto che gli studenti si abituino alla carta quadruplo velo profumata alla lavanda e poi in futuro – ma anche a casa – vogliano usare solo quella.
Ma il punto è un altro: si crea una situazione di monopolio. Anche potendo scegliere, chi comprerebbe mai carta igienica se si può avere gratis?
Che succede? che quel flusso di denaro si ferma. O meglio, i 100 € vengono utilizzati altrimenti (forse per cose più utili) ma gli attori prima elencati hanno un ammanco rispetto alle entrate previste.
Cosa fanno? Ricordate che non è UNA scuola, ma TUTTE le scuole. Cambiano settore, mettono a part time gli operai, licenziano, chiudono….
Diminuiscono anche le entrate del fisco. Forse quella voce di bilancio scolastico viene cancellata.
Sono eventi che non riguardano la scuola?
Quella scuola che preparava gli studenti ad un mercato del lavoro, che però grazie (anche) all’operato della scuola piano piano scompare?
E che succederà quando il signor Paapre decidera di far pagare 1 € (invece di 100) la sua fornitura? Niente, sempre economia per la scuola. Ma siccome c’è un monopolio, da 1 € si può passare anche a 100 €, senza che nessuno possa fare niente. Tornare indietro? ma ormai il tessuto imprenditoriale non c’è più. Niente più fornitori locali, niente grossisti.

Ora cosa c’è di diverso se invece di carta igienica parliamo di servizi digitali (software, connettività, cloud, antivirus, ….)?
Economia e praticità possono davvero bilanciare il danno che si fa all’ecosistema delle imprese digitali locali?


Seconda parte
Ma allora come la metti con il software opensource, che è gratis? Neanche quello va bene? Si. Ma non perché è gratis.
Anche qui possiamo fare una simulazione. Su 100  € di licenze di software Megasoft, una quota (piccola) va al fornitore; la maggior parte va al produttore, che ha sede a Vattelappesca City. Siccome il fornitore ha un piccolo margine, deve moltiplicare le vendite; tendenzialmente deve acquisire il monopolio. Quindi spinge, fa sconti, fa formazione sulla versione Educational di Megasoft, quella adatta per il Coding. Un giorno anche quella sarà a pagamento, ma per ora va bene…

Invece su 100 € di servizi connessi con il software opensource (formazione, installazione, adattamento, hosting), tutto va al fornitore locale. Il quale paga le tasse, paga gli stipendi etc etc. Il fornitore locale NON ha bisogno di monopolizzare il mercato, perché ha margine a sufficienza. C’è spazio per soluzioni diverse  e fornitori diversi.
I servizi sono di qualità inferiore? Forse, ma visto che il software è aperto si possono migliorare. Si possono unire le risorse di più scuole per sviluppare migliorie e funzionalità di cui tutti beneficeranno.

Quando la scuola decide di installare Moodle per l’e-learning (perché è gratis) e WordPress per il sito (perché è gratis) e poi di gestirli internamente, fa un’opera meritoria dal punto di vista del bilancio. Meno meritoria dal punto di vista dell’economia del Paese.

Curriculi digitali opensource

Ott
25

Il bando http://www.istruzione.it/scuola_digitale/curricoli_digitali.shtml per i curricoli digitali attualmente in corso (scade il 10 Novembre 2016) prevede 4,3 M€, riservati alle reti di scuole pubbliche e paritarie, destinati alla produzione di 25 curricoli digitali su 10 tematiche, divise in Fondamentali e Caratterizzanti, secondo il seguente schema:

Fondamentali:

  • diritti in internet
  • educazione ai media (e ai social)
  • educazione all’informazione

Caratterizzanti:

  • STEM (competenze digitali per robotica educativa, making e stampa 3D, internet delle cose)
  • big e open data
  • coding
  • arte e cultura digitale
  • educazione alla lettura e alla scrittura in ambienti digitali
  • economia digitale
  • imprenditorialità digitale

Dal mio punto di vista, non è troppo condivisibile questa biforcazione: da un lato le “educazioni a…”, dall’altro il coding, la robotica, i dati aperti. Così si introducono già nei temi e nei curricoli le separazioni che poi è difficile recuperare: tra riflessione teorica e attività tecnica, tra aspetti etici (diritti, doveri) e pratici, tra apprendimento cognitivo e affettività. Ma pazienza, in qualche modo si doveva distinguere.

Il dettaglio dei possibili contenuti dei curriculi è descritto nell’Allegato 2 (http://www.istruzione.it/scuola_digitale/allegati/2016/Allegato_2_Avviso_Curricoli_Digitali.pdf). A mio avviso, si tratta di testi non particolarmente omogenei, perché scritti da persone diverse, come si capisce dal linguaggio utilizzato e dalla formattazione libera. Si può supporre quindi che sia stato dato l’incarico di definire i contenuti a esperti di dominio che non si sono parlati tra loro. Noto che di opensource non si parla mai, e pazienza (ma anche no).

Non mi è chiarissimo il processo di valutazione delle proposte di curriculo. Da quanto ho capito io, ci saranno tre fasi: in una prima vengono richieste solo poche slide di presentazione e un formulario in cui vengano definite le scuole partecipanti, di cui almeno una deve avere esperienze dimostrabili nel settore (solo una?). In una seconda fase, viene stilata una graduatoria e vengono selezionate 125 proposte. Ai soggetti selezionati viene chiesto di inviare il progetto con un esempio, e solo 25 proposte vengono alle fine finanziate, con un massimo di 170.000 € per proposta. Ci sono poi altri 50.000 € per la migliore proposta di comunicazione del progetto (mi è sfuggito come si partecipa a questa speciale categoria).

La commissione di valutazione verrà scelta solo dopo la chiusura della prima fase. I dettagli delle altre due, come pure i processi di monitoraggio, verranno, si spera, chiariti in seguito. Potrebbe succedere, ad esempio, che i curricoli prodotti si sovrappongano oppure che lascino scoperte delle aree? Che seguano modelli completamente diversi? Che lo sviluppo non rispetti le premesse? Speriamo di no, speriamo che sia prevista anche una fase di aggiustamento in corsa.

Ma a prescindere da questi dettagli, ci sono molti aspetti che giudicherei positivi: la sottolineatura dell’importanza degli aspetti di cittadinanza digitale, la richiesta esplicita che i curricoli siano rilasciati come OER (peccato non si diano indicazioni di licenze specifiche: i contenuti prodotti si potranno usare gratis, ma si potranno anche modificare?), la citazione almeno della possibilità di analytics ovvero di raccolta dei dati di utilizzo.

Nel passato, il Ministero dell’Istruzione aveva scritto e pubblicato Programmi e Indicazioni per i vari ordini di scuola. Con la “scuola dell’autonomia”, con il passaggio dalla scuola dei programmi alla scuola dei curricoli, questo compito spetta alla scuola. Le indicazioni ministeriali però esistono ancora, e quattro anni fa per esempio sono state sottoposte ad un processo di verifica pubblica quelle per la scuola dell’infanzia e del primo ciclo, cioè fino alla scuola secondaria di primo grado inclusa. Per altro, nel documento finale (http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/162992ea-6860-4ac3-a9c5-691625c00aaf/prot5559_12_all1_indicazioni_nazionali.pdf , mi spiace ma non c’era un link più corto) la parola digitale compare solo quattro volte: due nel conteste delle competenze chiave raccomandate dall’Europa, e due nell’area Tecnologia. Leggendo i risultati della consultazione, si capisce che secondo il 24% degli intervistati il digitale avrebbe dovuto essere più presente.

Comunque: in questo caso, forse per la prima volta, si chiede ai diretti interessati, cioè alle scuole – o meglio, a reti di scuole coadiuvate da esperti universitari o altri scelti dalle scuole stesse – di realizzare dei curricoli di livello nazionale, da condividere con le altre scuole.

E’ una buona maniera di affrontare la questione? Non lo so, ma non mi convince in generale la logica dei bandi, che permette di distribuire soldi alla Scuola – anzi, ad alcune scuole – che poi magari le usano come possono, sulla base della loro abilità a scrivere progetti. Bandi che si limitano a finanziare la creazione di un oggetto digitale (che so, un sito, una piattaforma di collaborazione o di e-learning), ma non il suo mantenimento e sviluppo futuro, col risultato che il suddetto sito muore dopo poco. Bandi che stimolano migliaia di proposte, ma ne finanziano solo una piccola percentuale, per cui il lavoro della maggioranza è sprecato. Bandi i cui risultati non sono soggetti a verifica se non contabile. Bandi in cui la coerenza dei prodotti viene cercata a posteriori, magari con un bando ulteriore.

E’ una maniera democratica? Non so nemmeno questo. Va avanti la scuola che ha al suo interno docenti capaci di progettare, nel senso specifico di “scrivere progetti finanziabili”. E si procede in maniera discontinua, per gettiti intermittenti. Per esempio, mi domando: ma una volta creati i curriculi, quali risorse verranno impiegate per aggiornarli? E chi lo farà? O si pensa che in campo come questo si possa creare IL curriculo definitivo?

Si poteva fare diversamente? Io penso di si. Faccio un piccolo esercizio di immaginazione.

1. Si poteva creare un piccolo gruppo di lavoro (di cui venissero pubblicati i nomi dei partecipanti) con almeno quattro compiti diversi:

  • raccogliere buone pratiche da paesi dove questi curricoli esistono e sono già stati sperimentati con successo
  • valutare i risultati dei Piani Ministeriali passati sul tema dell’IT, luci e ombre
  • esaminare le esperienze già realizzate nelle scuole o dalle associazioni
  • raccogliere idee tramite una ricerca non solo sul materiale cartaceo, ma anche su quello digitale, compresi i social network system.

Alla fine di questo lavoro preliminare, il gruppo di superesperti avrebbe potuto produrre un documento che indicasse obiettivi, limiti, metodi, errori da evitare, buone pratiche. Il documento avrebbe dovuto evidenziare, tra l’altro, gli incroci tra le aree tematiche. Non solo un elenco di argomenti, quindi.

2. Poi il MIUR avrebbe potuto convocare un piccolo numero di esperti, tre per ogni area tematica (per esempio uno di estrazione universitaria, un docente e un esperto di dominio), scelti mediante una procedura concorsuale pubblica, fornirgli il quadro generale e dargli modo di produrre una versione alfa del curriculo.

3. Le versioni alfa avrebbero potuto essere condivise preliminarmente tra tutti i gruppi, per verificarne la coerenza e l’omogeneità e la rispondenza al quadro generale.

4. La versione beta, risultante dal lavoro di omogeneizzazione, sarebbe potuta essere diffusa presso un numero più grande di docenti, dei quali si sarebbero raccolti i commenti. Si sarebbe potuta immaginare una piccola sperimentazione per tutti i curricoli, per permettere ulteriori aggiustamenti.

5. La versione RC (release candidate), risultato della sperimentazione, sarebbe stata pubblicata in una piattaforma aperta dove tutti gli utenti potessero suggerire miglioramenti. Non essendo necessaria una “versione finale” congelata, i curriculi avrebbero potuto essere aggiornati in maniera continua, o “forkati” come si fa nei repository di software opensource.

Costo totale: quasi sicuramente inferiore ai 4,3 milioni investiti nel bando. Immaginando trenta persone che lavorino per un anno a tempo pieno, fanno più o meno un milione di €, più il costo del gruppo iniziale dei superesperti (che voglio sperare non costerebbe altri tre milioni di €…). Con i soldi avanzati si regalava carta igienica a tutti…

Coinvolgimento degli utenti finali: sicuramente maggiore, direi. Nella modalità scelta dal MIUR, supponendo che ogni team di progetto sia composto da 20 tra docenti ed esperti, il numero totale delle persone coinvolte è di 500. Che è meno dei docenti intervistati per le Indicazioni del 2012.

Qualità dei prodotto finale: non so dirlo, ma il processo descritto sarebbe servito a controllarla a più riprese. E la prassi dell’opensource insegna che questo modo funziona abbastanza bene.

Platone, Stallman e gli OpenData

Gen
24

Un processo continuo, che dura da tremila anni, di cristallizzazione delle competenze in oggetti per sostituire la mediazione diretta tra persone.
Il primo a descriverlo è Platone nel Fedro, ma Stallman parla delle stesse cose con un linguaggio un po’ diverso. E se un giorno tutte le conoscenze fossero racchiuse in oggetti, potremmo fare a meno della scuola?

A. Oralità e scrittura.

Platone (Thamus) rigetta l’invenzione della scrittura per i suoi effetti negativi sull’esercizio della memoria (vedi calcolatrici etc) e perché la fissazione della conoscenza su di un supporto tramite un sistema di segni la rende appunto indipendente dal rapporto tra insegnante e discente (“divenuti , infatti , grazie a te , ascoltatori di molte cose senza bisogno di insegnamento”) e perché produce una falsa consapevolezza di conoscenza (“saccenti invece che sapienti”).
Più avanti nel dialogo: il testo (come discorso scritto) sembra abbia una propria vita, ma in realtà (a) ripete sempre la stessa cosa, e (b) a tutti indistintamente. Non solo quindi è noioso, ma non sa distinguere chi può capire e chi no e non è in grado di adattarsi a destinatari diversi. Il testo scritto non può differenziarsi e rivolgere “a un’anima complessa discorsi complessi e dai molteplici toni , a un’anima semplice discorsi semplici”.
Infine, il testo scritto non si può difendere da sé, ma ha sempre bisogno dell’autore che gli porti aiuto, cioè che risponda alle obiezioni precisando ciò che era generico, espandendo ciò che era solo accennato, chiarendo ciò che era oscuro. In sostanza, il discorso scritto è quel discorso; il discorso orale è una matrice di possibili discorsi.
Il discorso scritto, il testo, non è però inutile, perché può riaccendere quello orale: funziona come supporto alla memoria di chi l’ha scritto, dice Thamus, ma non sostituisce quello orale, e non può servire come veicolo per l’insegnamento senza l’insegnante. Anzi, rischia di produrre discenti che credono di sapere ma non hanno veramente capito.
Il vero discorso è quello orale, che produce altri discorsi (figli e fratelli di quello) nella mente degli ascoltatori.
Il filosofo media tra le idee ( (ma anche le idee sono conoscenze cristallizzate?) e l’anima del discente, tramite il discorso orale. Il punto non è tanto il supporto (orale o scritto, analogico o digitale) ma il fatto che sono necessarie competenze specifiche per questa mediazione: conoscenze dei rapporti tra le idee (dialettica) e del livello di competenza raggiunto dal discente. Queste competenze servono a permettere al filosofo di adattare il suo discorso per mettere il discente in contatto con le idee. Sono almeno di due tipi: quelle relative al dominio e quelle relative al destinatario. Queste ultime, a loro volta, sembrano essere composta dalle competenze necessarie per la valutazione delle capacità del discente e dalle competenze necessarie per ripensare gli argomenti, il loro ordine e la loro esposizione in funzione di quelle capacità.

Il libro sta al discorso come la pittura sta alla natura (e nel futuro che per noi è passato, come il disco sta al concerto e il cinema al teatro). Ma a Platone interessa solo la parola, il discorso che serve a convincere e a insegnare la verità. Un’intera classe, quella dei filosofi, è il corrispettivo sul piano sociale, è la garanzia che non sia sempre di nuovo necessario per ogni individuo riscoprire personalmente (tramite la reminiscenza) la verità.

B. L’era della riproducibilità tecnica
Il testo scritto come conoscenza cristallizzata, fissata nel tempo ma mobile nello spazio (distribuita senza il suo autore) è un oggetto anticipato da Platone, ma reso veramente possibile con la stampa, che di quella prima copia permette infinite copie.
Con il testo scritto, il lavoro dell’insegnante viene reso non più indispensabile; l’esistenza delle oggettivazioni della conoscenza gli fanno perdere valore. Anche a prescindere dalla facilità con cui il testo viene riprodotto in copie e viene distribuito nel mondo, e dal costo di questa operazione, si può apprendere anche senza un insegnante, purché naturalmente si sappia leggere – in tutti i significati di questo termine.
Duemilatrecento anni dopo, è la critica luddista ai telai meccanici e all’organizzazione del lavoro che rende gli operai inutili o quantomeno asserviti alle macchine.
Tuttavia storicamente con la diffusione del testo scritto (e la riduzione dell’importanza dell’insegnamento orale?) nascono altri lavori: il lavoro dello scrittore, dell’editore, del distributore di libri, fino al bibliotecario. Lavori che implicano nuove competenze, che a loro volta diventano oggetto di formazione.
La cristallizzazione non è definitiva e non funziona mai completamente. Platone osserva che il discorso scritto non si può difendere da sé; i testi singoli vanno commentati, raccolti, tradotti, non possono essere usati da tutti nella loro forma originaria.
Inoltre il lavoro di insegnante non scompare, ma si trasforma, e questo Platone lo intuisce. Nascono nuove figure di “insegnante”, non più autosufficienti, ma che da un lato “spiegano” i libri (Platone dice che gli “portano aiuto”), dall’altro li utilizzano come supporti temporanei. I nuovi docenti forniscono le meta-informazioni che consentono di capire i testi, e dall’altro il loro stesso discorso non deve essere completo, ma può sintetizzare, rimandare ad altro per gli approfondimenti. Il discorso non deve più essere unitario e autosufficiente, può essere parziale, specialistico.
C’è un altro aspetto importante: le conoscenza cristallizzate non sono davvero accessibili come il discorso orale. Intanto per accedere alla conoscenza cristallizata bisogna saperla estrarre, il che nella nostra cultura significa “leggere”, e almeno questa competenza alfabetica deve essere insegnata direttamente.
Ma non basta. Anche i testi sacri rivolti a tutti, come la Bibbia e il Corano, hanno bisogno di essere tradotti e interpretati da esperti (almeno, secondo alcune delle religioni che si appoggiano su di essi). Il docente/interprete è riconosciuto necessario ovunque, e di nuovo stimato.
Con un salto di secoli, non è diverso per l’informatica in generale. I programmi sono la quintessenza della macchina: nati per sostituire l’uomo nei lavori più ripetitivi, di fatto hanno reso inutile certe competenze, mandato in cantina certe macchine (da quella per scrivere alla calcolatrice e al registratore analogico) e mandato a casa professionisti (dal tipografo al contabile). Ma sono anche nati una serie di nuovi mestieri: analisti, programmatori,infografici etc.

C. Il web 2.0 (e ti pareva)
Il processo di cristallizzazione non si ferma, legato com’è alla democratizzazione della cultura e dell’educazione, o se si vuole alla competizione per la sopravvivenza tra mestieri.
Anche questi testi singoli vengono cristallizzati ad un livello superiore, inclusi in commentari, in sillogi, e infine in un’enciclopedia, che contiene non solo le informazioni ma anche le metainformazioni che consentono di usare le prime correttamente. L’illuminismo elimina la necessità anche degli insegnanti e delle scuole: ognuno può apprendere da solo, come Pippi Calzelunghe che imparava leggendo il dizionario in ordine alfabetico.
Non è diversa wikipedia. WP punta ad essere la cristallizzazione di tutto il sapere umano, a rendere inutili i manuali divulgativi e – recentemente con Wikivoyage – le guide turistiche.
Tutto l’uso del web 2.0 come sistema di scavalcamento dell’esperto (critico o docente, vedi Antinucci, “L’algoritmo al potere”) poggia, almeno in parte, sull’idea di congelare giudizi che valgono indipendentemente dalla credibilità riconosciuta del loro autore; o anche, sostituiscono l’attribuzione di attendibilità accademica tradizionale con un sistema di valutazione dal basso, basato sul gradimento del prodotto da parte dei molti, anziché sulla valutazione dell’autore.
Tuttavia è chiaro che più aumenta la mole dei dati, più servono competenze nuove per filtrarli, selezionarli, renderli adatti all’utente. Competenze nel progettare motori di ricerca o strumenti per il mash-up intelligente che tengono conto del profilo dell’utente (“a un’anima complessa discorsi complessi e dai molteplici toni , a un’anima semplice discorsi semplici”).

D. Opensource/data
Il free software/opensource è una risposta consapevole a questo processo storico.
Stallman dice che il valore sta dalla parte del programmatore, non del programma. E’ il programmatore che crea e soprattutto (dopo una certa fase in cui esiste una massa critica di codice sorgente) lo corregge, migliora e personalizza. Se il programma è una cristallizazione di competenze, il programmatore media tra il programma e i bisogni degli utilizzatori. Il fatto che le funzioni vengano raccolte in librerie, che si producano linguaggi di alto livello e ambienti di sviluppo integrati risponde a questa necessità, ma non cancella il ruolo dei programmatori.
La differenza qui non è quella che spesso viene percepita (o presentata) come essenziale, cioè la gratuità del software. A prescindere dagli slogan, se il software fosse tutto gratuito, e non ci fossero altre fonti di reddito, i programmatori non sopravviverebbero, e tutto si fermerebbe. Questo però non significa necessariamente che le licenze del software vadano vendute; ci possono essere modi alternativi di finanziare il lavoro dei programmatori, più o meno trasparenti: dal contributo allo sviluppo del software più promettente (come fa ad esempio Google nelle sue summer schools, o come accade negli app contest), al pagamento delle personalizzazioni e miglioramenti. Non può essere pagato solo lo sviluppo del software più commercialmente appetibile – oggi il software è essenziale per far funzionare anche settori al di fuori del business, come l’educazione o la sanità. Ma è vero che la gratuità sposta il problema dall’accesso alla selezione.
Il punto è che se i codici sorgenti sono aperti, ci sarà sempre spazio per il lavoro di programmatori, sempre più competenti, ma anche per consulenti esperti in grado di consigliare la soluzione più adatta.

E lo stesso discorso vale per gli opendata, che rappresentano in qualche modo il punto di arrivo di un progetto di democratizzazione delle conoscenze: tutte le conoscenze in possesso della PA – quindi oggettive, controllate, ufficiali – finalmente a disposizione di tutti.
Gli opendata sono informazioni (non opinioni), cristallizate in modo da poter essere usate da chiunque, senza che sia necessario rivolgersi agli esperti, agli uffici etc. Sono informazioni pubbliche, dunque (a)non si devono pagare (b)devono essere accessibili direttamente da tutti. Ma non necessariamente sono comprensibili e usabili da tutti nella loro forma originaria. Servono altri esperti, che interpretano i dati e creano LOD, che progettano e sviluppano Apps che “consumano” i dati e li presentano in maniera comprensibile a tutti, che permettono ricerche tra i dataset e i repository di tutto il mondo, che ne inventano nuove applicazioni al di fuori di quelle già esistenti. Man mano che i dataset aumentano, servono esperti che valutano i dati, li correggono. E’ già evidente oggi per i dati geografici e lo sarà a breve per quelli metereologici. Il problema non è più ottenere i dati, ma selezionarli, collegarli e presentarli nella maniera più utile e comprensibile.
La vera differenza è che quando il codice (o la struttura dei dati) è open, chiunque abbia le competenze necessarie può fungere da interprete, ed è possibile scegliere l’interprete migliore. Se è chiuso, non c’è più scelta né controllo pubblico.

E. Conclusioni
Ogni passaggio di questo tipo minaccia l’esistenza di una serie di figure professionali che sono rese inutili dalla cristallizzazione. E ogni volta nascono nuovi “mestieri della cristallizzazione”; e ogni volta si rende necessaria una nuova mediazione tra gli oggetti cristallizzati e i discenti.
Il processo ha forma di spirale, si ripete nel tempo. Ogni volta c’è un oggetto di tipo nuovo che rappresenta delle competenze che possono essere apprese senza la mediazione dell’esperto. Non è successo solo con le macchine, ma anche con la conoscenza.
Ogni volta, quelli che appartengono alle figura professionali a rischio (i filosofi, gli operai, i programmatori) si difendono, presentando l’oggetto originale di cui sono mediatori riconosciuti come “la cosa stessa”, e il nuovo oggetto cristallizzato come una sua versione limitata, impropria, pericolosa, etc. E quindi c’è chi difende il libro e il cinema contro l’ebook e YouTube.

“Dati gratis per tutti” significa che qualcuno perde il suo lavoro, e questo è un aspetto che forse non è sempre presente a chi saluta i proclami opendata con entusiasmo.
Ma significa anche che nasce un nuovo di tipo di lavoro – o che potrebbe nascere, a certe condizioni.
I timori luddisti sono giustificati – nel senso che si tratta di un processo inevitabile, che continuerà a ripetersi. Però il processo intero può essere visto non solo come una minaccia ai mestieri esistenti, ma anche come una trasformazione delle competenze, che devono sempre di più tener conto dell’utente finale oltre che del dominio.
Avere consapevolezza del processo significa non averne paura, dare valore a queste competenze miste, svilupparle.
Viceversa limitarsi a dichiarare di voler digitalizzare il mondo è un modo demagogico di crearsi consenso senza poi fornire le condizioni perché questo mondo digitale possa davvero sostenersi.

In periodo di elezioni, questo è un impegno che va chiesto a tutti i candidati: apertura della struttura delle informazioni, formazione avanzata disponibile, supporto alla creazione di nuove imprese.