steve's

E perché non un’automa?

Gen
13

Questo articolo fa seguito al precedente e descrive un ipotetica attività di “coding” da fare in classe. Il dominio è quello della lingua. L’obiettivo è costruire insieme un automa linguistico, cioè un programma in grado di simulare un parlante della lingua Italiana, in una situazione specifica molto semplice: premettere l’articolo ad un nome.

Non è un caso che l’esempio proposto non sia quello di un quiz o di un programma che “interroga” lo studente (come in tanti esempi che si possono trovare in rete: per esempio, http://www.baby-flash.com/lavagna/articoli_sbagliati1.swf oppure http://www.softwaredidatticofree.it/schedaapostrofo1.htm). Anzi: il modello è esplicitamente un altro, quello dell’insegnamento AL computer DA PARTE dello studente, o meglio da parte di un gruppo di studenti.

Probabilmente i docenti di Lingua che leggeranno questo testo troveranno imprecisioni, errori, mancanze. Mea culpa: non sono un linguista, né un docente di lingua. Si può senz’altro correggere e migliorare, o ripensare da zero. In generale, quanto scritto rappresenta solo un esempio di una possibile modalità di utilizzo della programmazione come strumento di costruzione collettiva di conoscenze, da adattare (o ripensare) nei contesti specifici della classe.

Gli esempi di codice contenuto sono in Kojo; in appendice due piccoli estratti di codice in Logo e in Prolog.

Qui trovate una presentazione veloce.

Qui invece l’articolo completo.

Comments

Comments are closed.