steve's

Monitoraggio, brutta parola

Ott
09
Sul sito Programma il Futuro sono scaricabili dei report sui dati sulle attività svolte nel primo (http://programmailfuturo.it/media/docs/Rapporto-monitoraggio-settembre-2014-gennaio-2015.pdf) e nel secondo anno di progetto (http://programmailfuturo.it/media/docs/evento-celebrativo/programma_futuro-MIUR-26mag2015.pdf). Numero di ore, numero di insegnanti per regione e per disciplina, numero di classi e studenti coinvolti, e poi gradimento, valutazioni, osservazioni, tutti corredati di grafici. Dati raccolti in parte grazie a Google Analytics (altrimenti perché si attiva ogni volta che apro una pagina in Code.org?) e in parte grazie a questionari.
Questa cosa mi solletica.
Dieci anni fa, quando lavoravo a Scienze della Comunicazione, ho fatto una ricerca sui forum del corso concorso per dirigenti scolastici di INDIRE (2006). Siccome la piattaforma usata non prevedeva nessun tipo di monitoraggio fine (e peraltro non esisteva più…), siamo partiti da una copia del DB Oracle e siamo riusciti a ricostruire i profili, le conversazioni, i temi, le modalità comunicative. Il risultato principale è stato forse però l’insieme di query SQL che avrebbero permesso di analizzare allo stesso modo i dati di altri forum che usavano la stessa struttura dati, ad esempio per vedere se c’erano invarianti legate alla dimensione geografica, all’età, alle esperienze pregresse. Non mi risulta che siano stati mai usati, ma pazienza.
Cinque anni dopo, il MIUR ci affidò una ricerca per valutare il risultato di tre piani di formazione nazionali. La cosa anche qui fu piuttosto difficile, perché non c’erano dati originali, ovvero il progetto delle attività non contemplava la raccolta di dati prima, durante e dopo. Sono stati analizzati fondamentalmente i risultati di questionari somministrati ai docenti. Il che come si può immaginare non è la stessa cosa di avere accesso alle informazioni primarie.
Nella recente formazione per gli Animatori Digitali del Lazio, che mi ha coinvolto solo come tecnico fornitore di piattaforme, ho proposto di impostare un piano di monitoraggio all’inizio delle attività. Non per valutare nessuno, ma perché quando domani qualcuno arriverà a chiedersi se e come ha funzionato avrà bisogno di qualche informazione in più rispetto ad un sondaggio finale.
 
Insomma la fatica per ottenere dei risultati di qualche qualità mi pare inversamente proporzionale alla lungimiranza di chi gestisce un progetto. Se poi i dati raccolti (naturalmente anonimizzati) venissero resi disponibili come opendata (oltre alle elaborazioni in PDF), si potrebbe lasciare a chi ne ha voglia e competenze il compito di far emergere qualche idea buona (qui ho esagerato, vabbè).
 
Se ogni attività di coding fosse preceduta da una raccolta di informazioni (chi è il docente, che competenze ha, che lavori sono stati fatti con quella classe in precedenza) e magari da un test di ingresso, se durante le ore di coding si potesse registrare lo scambio tra gli studenti e con il docente o il processo di acquisizione di nuove forme sintattiche, se le attività fossero seguite da un test finale, se se se… ci sarebbero alla fine dati su cui riflettere. Anche senza avere per forza la pretesa di dimostrare che il coding serve (o non serve) ad un obiettivo specifico.
Magari verrebbero fuori delle connessioni a cui non si era pensato. Per esempio, l’influenza della famiglia o dell”ambiente sociale, o della lingua materna; il peso delle competenze informatiche del docente (o delle dimensioni dello schermo, o del tempo atmosferico, o del segno zodiacale del docente, o che so io). O magari non viene fuori niente. Ma senza quei dati non si saprà mai. Non mi sto inventando i Learning Analytics: se ne occupa tanta gente, la Microsoft nell’accordo con il Ministero dell’Educazione Nazionale Francese ha specificato che il suo intervento sul coding prevede anche questo tipo di attività di monitoraggio e analisi dei dati (http://cache.media.education.gouv.fr/file/Partenaires/17/7/convention_signee_506177.pdf, pag 4). Se lo fa Microsoft, a qualcosa servirà, no?
 
Quello che voglio dire non è tanto che ci deve essere un quiz alla fine che ci permetterà di dire se Mario ha imparato il pensiero computazionale (o uno strumento di analisi degli elaborati come DrScratch, http://drscratch.org/, – grazie Massimo per la segnalazione – che pure potrebbe essere utile); ma che una Piano Nazionale dovrebbe dotarsi dall’inizio di un protocollo e di strumenti per valutare la qualità di quello che fa, e non solo la quantità e le opinioni. Se Google ha costruito la sua fortuna sull’analisi dei testi e dei comportamenti della popolazione mondiale, ci sarà pure una ragione. Che, nel nostro caso, non è poter vendere pubblicità e servizi mirati, ma valutare globalmente un piano nazionale (non il coding), e per una volta non a posteriori.
E’ un suggerimento per il terzo anno…

Comments

Comments are closed.